CeCo logo

A causa del protrarsi della forzata inattività e chiusura della nostra sede, desideriamo tenere vivo il rapporto con tutti, soci e frequentatori, tramite articoli, video o musica che possano suscitare riflessioni e scambio di esperienze tra di noi.

I soli soci, accedendo all'area riservata, visualizzeranno sotto a ciascun contributo un riquadro in cui potranno scrivere un riscontro e leggere quelli degli altri.

ortensia

Cari amici,

ecco "Teniamoci in contatto 4".

Nel testo sottoscritto dell'articolo di Enzo Bianchi, pubblicato su La Repubblica, si legge:

"impegnarsi nel discernimento di ciò che è nocivo per la nostra convivenza".

Ci viene proposto un compito "impegnativo" ma quanto lo sentiamo indispensabile, coinvolgente e ci proviamo?
Buon lavoro!

Un caro saluto
Il Consiglio Direttivo e la Segreteria


Ricominciare diversi da prima
di Enzo Bianchi da La Repubblica 6 maggio 2020

Sono nato alla fine di un’epoca, quella segnata dal fascismo, mentre cadevano le bombe sulle città del nord Italia; un’epoca a cui ne sarebbe presto seguita un’altra ben diversa, di ricostruzione. Per questo il verbo “ricominciare” è entrato a far parte non solo del mio vocabolario, ma è divenuto un’esigenza della mia vita interiore e sociale. Ho scoperto presto che Gregorio di Nissa (IV secolo) definiva la vita cristiana un continuo ricominciare: un «andare di inizio in inizio attraverso inizi che non hanno mai fine».

Ricominciare è una dinamica decisiva nella nostra vita.

Di più, in questi giorni di passaggio a una nuova fase in rapporto al coronavirus, ricominciare è diventato un imperativo. Va fatto presto, con urgenza, da parte di tutti e di ciascuno. Ma questa fretta e questa voracità di un nuovo tempo mi interrogano, rendendomi diffidente. Non mi pare infatti che tale desiderio sia sorretto da una reale consapevolezza del fatto che ricominciare significa tralasciare comportamenti e stili, reinventarli.

Significa impegnarsi nel discernimento di ciò che è nocivo per la nostra convivenza.

L’impressione è che tutti dicano: “Vogliamo ricominciare”, ma in realtà lo identifichino con un ritorno a prima dell’epidemia. In un mondo malato credevamo di essere sani e, se non abbiamo contratto il virus oppure ne siamo guariti, pensiamo di poter essere sani in un mondo sempre malato. Secondo Enrico Quarantelli e la “sociologia dei disastri”, più grave è la crisi, migliori diventano le persone. Gli esseri umani, sotto l’urto della sventura, mostrano inattese capacità solidali e una certa attenzione al bene comune.

In verità, l’esperienza storica non ci assicura questo esito. Anzi, ci fa constatare che, se da parte di alcuni soggetti coinvolti nella sventura emerge una certa bontà, in altri crescono l’egolatria, la rabbia e la cattiveria sociale. Basterebbe peraltro guardare allo spettacolo fornito da alcuni politici in questi giorni. Nell’ora in cui si dovrebbe sentire il peso della parola “insieme” e si dovrebbe far prevalere la logica del “noi”, continua e anzi peggiora la delegittimazione reciproca.

L’un contro l’altro armati”: questo sembra lo stile assunto in un’ora in cui poveri, anziani e persone fragili sono vittime non solo di un virus ma, ben di più, di un assetto sociale che non tiene conto di loro. Sono convinto che finché le ragioni economiche saranno più importanti di quelle della fraternità, finché il profitto conterà più delle perdite umane, finché le logiche di bassa politica prevarranno, non ci sarà possibilità di ricominciare.

Ricominciare richiede una conversione, un cambiamento. Se non si diventa consapevoli della negatività di certi comportamenti, la corsa a un nuovo inizio rischia di essere uno slogan ingannevole, per indurre a continuare come prima. Lo ha ben espresso in una recente intervista Serge Latouche: «Spero che qualcosa possa cambiare, ma temo che ritorneremo al business as usual».

Accedi per lasciare un riscontro ai contributi.

Accedi per lasciare un riscontro ai contributi.